I grandi miti del basket italiano: le V nere. Parte 3

La Virtus Bologna arriva all’anno del grande cambiamento, il 2000 vede la società puntare tutto sui giovani, tra questi Smodis, Jaric e Manu Ginobili ( ecentemente arrivato alla sua 15ª stagione NBA nel 2017). L’argentino aveva già mostrato il suo talento a Reggio Calabria e avrebbe guidato la Virtus a grandi successi anche nelle annate successive. La brutta notizia arriva però dal fronte slavo, dato che nel 2000 Danilovic annuncia di volersi ritirare dal basket. La voglia di vincere resta in ogni caso nel DNA della Virtus Bologna, anche senza il grande Sasha.

I grandi risultati della Virtus Bologna

A confermare la grande voglia di vincere, durante il 2000 arrivano 33 vittorie consecutive, tra Europa e campionato italiano. Il primo trofeo arriva nella sfida con Pesaro nella finale di coppa Italia, non passeranno molti giorni per giocarsi la finale di Eurolega, dopo aver eliminato in semifinale l’altra squadra di Bologna, la Fortitudo (3-0), a simboleggiare il grande dominio bolognese in Italia in Europa. L’Italia è sul tetto d’Europa.

La Kinder dovette giocarsi il titolo contro un fortissimo Tau Vitoria, è riuscì ad aggiudicarsi il trofeo più prestigioso d’Europa il 10 maggio 2001. Ora era il momento di pensare al campionato. I play-off iniziarono con nove vittorie e zero sconfitte. La finale si giocò contro la Fortitudo, e ancora una volta non ci fu storia. La sfida durò tre partite e si concluse il 20 giugno 2001 con la vittoria 83-78 al PalaMalaguti per aggiudicarsi il 15º titolo della storia delle V nere ed entrare di diritto nella leggenda del basket italiano.

Gli anni bui di Bologna

Dopo le grandi vittorie arrivarono gli anni più tristi della storia della Virtus Bologna. Nel 2003 il gruppo Sabatini riesce ad evitare il fallimento della società acquisendone la proprietà. Bisognerà attendere la stagione 2006/ 2007 per tornare sulla cresta dell’onda in Italia e partecipare alle competizioni in Europa. La Virtus arriva alla finale scudetto e si qualifica per la successiva Eurolega. È però solo un fuoco di paglia, e il basket italiano viene dominato da Terviso e Milano per molti anni.

Durante le annate che vanno dal 2003 al 2012, la Virtus non raggiunge grandi risultati nel campionato italiano professionistico, ma lavora bene con le squadre Uner 17 e Under 19 che riescono a vincere i rispettivi titoli di campione d’Italia. Nei successivi anni fino al presente, la Virtus Bologna vede alti e bassi nei risultati, ma ancora non riesce a tornare a competere ai più alti livelli del basket italiano ancora una volta dominato da Milano.

Lega Basket Serie A

Alla fine di una partita combattuta fino all'ultimo possesso è Orlandina Basket ad avere la meglio su Happy Casa Brindisi per 67-66

Guerino Vanoli Basket Cremona