La nazionale italiana di basket

L’importanza della pallacanestro in Italia continua ad aumentare nel corso del tempo e al momento la nazionale di pallacanestro italiana è seconda come importanza solamente alla nazionale italiana di calcio. I grandi talenti del basket nostrano sono riusciti per due volte ad aggiudicarsi la rassegna continentale più importante a livello di nazionale, infatti l’Italia ha vinto due volte il campionato europeo di basket, durante le annate 1983 e più recentemente con la grande impresa del 1999.

Dopo una serie di avvicendamenti sulla panchina della nazionale, finalmente gli azzurri possono essere guidati da un vero e proprio maestro della panchina, e nel corso dei prossimi europei le scelte tattiche verranno infatti presa da Ettore Messina.

La storia della nazionale italiana di pallacanestro

Le origini della nazionale italiana di pallacanestro sono da ricercarsi nel 1926, quando in data 4 aprile si svolge la prima partita contro la Francia. Si tratta di un’amichevole svoltasi come esibizione all’arrivo di una tappa del giro d’Italia. A quel tempo il basket non aveva certo la grande importanza raggiunta nei tempi moderni, per comprenderne il perché basta evidenziare il risultato finale che vide l’Italia imporsi per 23 a 17.

Una delle date più importanti nella storia di questa squadra nazionale è il 1936, quando l’Italia partecipa alle Olimpiadi di Berlino. Si tratta della prima partecipazione ai giochi olimpici e durante la rassegna iridata ufficiata da Adolf Hitler l’idea del regime è quella di evidenziare come la pallacanestro sia un gioco solo per bianchi, ci vorranno pochi anni per smentire totalmente questa tesi.

Nel 1937 e successivamente nel 1946 l’Italia si è aggiudicata due medaglie d’argento. Non male considerando che durante il periodo della guerra si svolsero solamente tre campionati europei, appunto quello del 1937, poi nel 1939 e in fine quello del 1946.

I periodi più bui della squadra nazionale italiana

Dopo esordi molto interessanti arrivano decenni dove il basket italiano non riesce a raggiungere un traguardo significativo. Per arrivare ad un risultato importante della squadra nazionale italiana bisogna spingersi fino alle Olimpiadi del 1960, svoltesi a Roma. L’anno dopo però l’Italia non riesce nemmeno a qualificarsi agli europei del 1961.

I 10 anni con una Giancarlo Primo alla guida

Il decennio che va dal 1969 al 1979 è ricordato per la “guida tecnica” della nazionale, Giancarlo Primo. Arrivano le Olimpiadi del 1972 dove l’Italia si classifica quarta, anche i mondiali nel 1973 del 1978 vedono l’Italia appena fuori dal podio. In territorio europeo il 1971 e il 1975 garantiscono alla nazionale italiana di basket due ottimi bronzi che vedono come protagonista Dino Meneghin.

Il periodo di successi con Sandro Gamba alla guida

Nel 1980 è in pieno atto la guerra fredda e gli Stati Uniti decidono di non presentarsi alle Olimpiadi di Mosca. L’Italia non segue l’esempio statunitense e riesce addirittura ad ottenere il primo argento olimpico subito dopo la Jugoslavia e battendo addirittura l’Unione Sovietica. Inizia poi una serie di successi europei davvero incredibili, nel 1983 a Nantes l’Italia vince l’oro, nel 1985 a Stoccarda il bronzo e nel 1991 a Roma l’argento. La squadra entra nella leggenda.

Lega Basket Serie A

Un'Italia migliore rispetto a Tolosa ma la Serbia ha la meglio nel finale

Guerino Vanoli Basket Cremona